€ 0 a € 15.000.000

Abbiamo trovato 0 risultati. Tutti i risultati >
I tuoi risultati di ricerca

Una Chiaccherata con Andrea Wohl Lucas di Douglas Elliman New York

Pubblicato da Filippo Meani sopra 3 Maggio 2020
0

Una Chiaccherata con Andrea Wohl Lucas di Douglas Elliman New York.

In questo periodo di quarantena, mi sono chiesta come le mie amiche/ colleghe nel mondo, lavorassero in home working, quali tecnologie usassero, così ho deciso di contattarne qualcuna e….

Partiamo da New York, particolarmente colpita dal virus.

 

Andrea com’era il mercato immobiliare a New York prima dell’arrivo del Covid-19?

Subito prima che la pandemia si abbattesse su New York, il mercato immobiliare stava mostrando segni di ripresa. A gennaio, febbraio e marzo si sono chiuse diverse trattative. Eravamo in un mercato fatto dall’acquirente: chi comprava stava iniziando a trarre vantaggio dai bassi tassi di interesse e dall’offerta abbondante.
Inoltre, il mercato azionario era ai massimi storici.

Vivo nel centro di Manhattan … il cuore di New York City. New York è ferma dal 20 marzo circa e probabilmente rimarrà “chiusa” fino alla fine di maggio (così dicono).

Come stai affrontando le giornate lavorative?
Naturalmente è difficile lavorare durante la quarantena. New York è una città verticale con centinaia e centinaia di grattacieli. I broker non sono più autorizzati a mostrare gli appartamenti negli edifici. Ci sono accordi in corso a New York dall’inizio del blocco, ma non sufficienti per far sperare in una forte ripresa del mercato in primavera.

In questo periodo hai preso nuovi mandati di compravendita, hai venduto o affittato delle proprietà? La tecnologia ti ha aiutato?
Ho inserzionato un appartamento sul mercato proprio quando è iniziata la pandemia. Pertanto non sono stata ancora in grado di mostrare l’appartamento a nessuno, tuttavia ho già 12 persone in lista che mi hanno contattato per visionarlo non appena sarà possibile. Anche se sono stata in grado di scattare fotografie dell’appartamento, non sono stata in grado girare un virtual tour perché non mi permettevano più di portare un fotografo.

La mia azienda, Douglas Elliman, ha un’incredibile tecnologia all’avanguardia. Abbiamo riunioni live sulla piattaforma “zoom” una o due volte a settimana e ho parlato con acquirenti e venditori virtualmente. Ovviamente abbiamo tour virtuali degli appartamenti, ma funzioneranno solo per ville o in edifici che consentiranno ai fotografi di operare. Douglas Elliman tiene lezioni virtuali tutto i giorni per i loro broker. Diversi contratti sono stati chiusi “a distanza” e firmati digitalmente. A New York City molti edifici sono cooperative che hanno una diversa forma di proprietà rispetto ai condomini. Un consiglio di amministrazione deve incontrare i potenziali acquirenti e approvare la vendita prima che gli acquirenti possano effettivamente comprare l’appartamento. Tali riunioni del consiglio si tengono generalmente in uno degli appartamenti dei membri del consiglio. Durante questa pandemia, le riunioni del consiglio si svolgono anche virtualmente tramite Zoom e Face Time. Quando questa pandemia sarà finita, alcune delle modalità di lavoro utilizzate in questo periodo soppianteranno quelle tradizionali.

Ritieni sia possibile vendere o affittare proprietà senza nemmeno vederle fisicamente ?
Non credo che gli acquirenti compreranno nuove case basandosi esclusivamente sui tour virtuali: gli acquirenti devono “sentire l’appartamento” fisicamente e vedere i panorami di persona con i propri occhi, ecc. Mi occupo principalmente del mercato del lusso con proprietà a partire da $ 4.000.000 in poi. La maggior parte degli acquirenti in quella fascia di prezzo desidera vedere la proprietà di persona. Negli immobili nuovi di zecca, gli acquirenti vogliono vedere fisicamente le finiture degli appartamenti e visualizzare l’appartamento di persona. Stiamo tuttavia assistendo ad alcuni accordi stipulati dagli investitori senza aver visitato l’appartamento di persona, tuttavia parliamo della fascia bassa del mercato e acquisti a scopo investimento.
Sento che quando il blocco sarà terminato e saremo in grado di entrare fisicamente negli appartamenti e mostrarli dal vivo, il mercato si riprenderà in fretta.
Non solo ci sono solo grandi affari da concludere, ma con tassi di interesse così bassi molti acquirenti potranno approfittare delle grandi opportunità che offre il mercato. La stessa cosa è successa a New York dopo l’11 settembre e di nuovo nel 2008 dopo la crisi dei mutui.

 

Cosa pensi succederà ora al mercato immobiliare?
Durante questa crisi ritengo che le persone guarderanno le loro case e penseranno di aver bisogno di più spazio, soprattutto se possono permettersi di trasferirsi in una casa più grande. Potrebbero voler trasferirsi in un appartamento con terrazze o balconi. Le case a schiera (che sono case unifamiliari) potrebbero essere più interessanti per gli acquirenti. Inoltre, molte persone potrebbero voler acquistare una seconda casa in spiaggia o fuori città. Solo il tempo lo dirà. La linea di fondo è che New York City è un luogo in cui le persone si spostano da tutto il mondo. È davvero il centro del mondo e tutti vogliono vivere qui.

Non c’è posto come New York!

Andrea vive e lavora a Manhattan e ha una clientela di alto profilo, inclusi diversi attori e personaggi dello spettacolo. Ha lavorato con molti CEO delle multinazionali principali e con oltre 400 aziende listate in Forbes.

https://andreawohllucas.elliman.com/

Il suo indirizzo e mail andrea.lucas@elliman.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronto immobili