€ 0 a € 15.000.000

Abbiamo trovato 0 risultati. Tutti i risultati >
I tuoi risultati di ricerca

Controllo e verifica della documentazione immobiliare

Pubblicato da Filippo Meani sopra 20 Maggio 2020
0

Controllo e verifica della documentazione immobiliare

Si tratta di una raccolta dati che serve a conoscere nel dettaglio lo storico dell’immobile, per essere così perfettamente informati sull’oggetto di compravendita e sul suo valore.

Contribuisce inoltre a velocizzare i tempi di compravendita, raccogliendo in anticipo tutte le informazioni utili alla transazione.

La Due Diligence immobiliare conferisce il giusto valore all’immobile/patrimonio immobiliare, ne fa un’analisi completa dal punto di vista edile, urbanistico, catastale, impiantistico, ne evidenzia la conformità.

Una volta raccolti tutti i documenti in possesso alla proprietà si analizza la documentazione, si procede richiedendone le integrazioni mancanti, se necessario, e si effettuano sopralluoghi tecnici per la verifica della corrispondenza tra documenti e realtà oggettiva dei fatti.

Se sul posto dovessero essere appurate incongruenze o mancanze, si dovrà procedere integrando o correggendo i documenti mancanti indicando alla proprietà i costi che dovrà sostenere per normare l’immobile.

Con l’espressione inglese Due Diligence si intende, in generale, un’attività d’indagine e di approfondimento.

Applicata al settore immobiliare, questa pratica consiste nell’analisi delle caratteristiche di un immobile.

Vediamo nel dettaglio

  • La Due Diligence relativa ai titoli di proprietà consiste nell’accertamento della titolarità dell’immobile, nel controllo dell’eventuale esistenza di pesi o gravami.
  • L’Analisi dei documenti impiantistici serve a comprendere che ci sia una conformità a norma di legge degli impianti che si trovano negli immobili.
  • Verifica della conformità degli immobili alla vigente normativa urbanistico/edilizia. Andrà analizzato il titolo edilizio ( licenza di costruzione, permesso di costruire, …)Bisognerà constatare che non ci siano vincoli territoriali (ambientali, monumentali, infrastrutturali o paesaggistici).Ciò che è importante è che ci sia un corretto uso dell’immobile e anche qualora ci siano stati interventi edilizi nel corso degli anni (autorizzazioni, permessi di costruire, DIA, condoni, sanatorie, certificati abitabilità/agibilità, concessioni …), questi siano stati effettuati a norma.
  • Per ultimo l’analisi della documentazione catastale, visure e planimetrie che devono corrispondere allo stato di fatto.

Bisogna analizzare lo stato documentale e lo stato di fatto per ciascuna analisi considerata, titolo di proprietà, impiantistica, edilizia e catasto.

Per questo è necessario affidarsi ad un Agenzia Immobiliare  che sia strutturata, che abbia al suo interno professionisti in grado di analizzare la documentazione immobiliare.

http://www.meanire.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronto immobili